Ar funerale mio

Ar funerale mio io nun ce sarò, nun ve starò a guardà dall’arto – o dar basso: ce sarete solo voi colle lenti scure a nasconne ’r trucco – se sfatto, se ‘ntatto – cor dolore vero o coi singhiozzi finti. De’ la morte mia io nun saprò gnente: sarà bella, sarà brutta, si metterete… Leggi tutto Ar funerale mio

Sora mia

A Sora bella, ma che te acconci a fa’? Nun lo vedi che nell’occhio mio nun c’è ‘na fiamma, nun ce sta amore, che me ne faccio der visetto tuo? Che m’emporta se m’ancheggi, si me te strusci – gatta de strada – come a dimme: -Ahò, nun ‘o vedi quanto so bella? Nun ‘o… Leggi tutto Sora mia

L’amore è ‘n lusso pe’ signori

Si sei ‘n poveraccio nun te poi manco innamorà: si lei è ricca, nun te se fila; si è povera, tra lli stracci ‘a polvere e ‘a zozzeria, è più lo schifo che te fa d’ ‘a grazia, si lla tiene. Si sei ‘n poveraccio t’accontenti: si c’ha ‘r naso storto, si c’ha le zinne… Leggi tutto L’amore è ‘n lusso pe’ signori

La Comare Secca

La Comare Secca ce lo sai chi è? L’ho incontrata l’antra sera ch’usciva tutt’azzimata: -’Ndo vai, Comare Se’? Pe’ chi te stai a ffà bbona? -Me ne vado a rimorchià, a raccattà quarche pischello: c’ho voja d’avventure, c’ho ‘n prurito sott’ar petto! E se ne annava, tutta bbella, cor sorriso da regazzina, camminava coll’anche: mo… Leggi tutto La Comare Secca

Quartieri romani

Paragrafo primo – ‘R morto Ci so dei posti dove è bello stare, dove te ritrovi e puro te ce perdi, si c’hai bisogno de perdette; poi ce ne so’ antri – de posti – brutti, tristi che so bboni solo a ricordatte ‘nt’è zozza sta vitaccia, ‘nt’è velenosa. ‘A chiesetta nostra è uno de… Leggi tutto Quartieri romani

Gujermo, ‘r divo

(Pubblicato sul secondo numero di #Self, a cura di Alberto Forni) Roma. Roma ‘a maggica, Roma ‘a lercia. Roma te divide l’anima, nun sai mai si la ami o si la odi. Quarcuno ce viene ppe’ trovà ‘a svorta, ner cinema, ne la musica, ner ber monno insomma; po’ ce stanno quelli che ce vengono… Leggi tutto Gujermo, ‘r divo

Benito Cenci, una storia romana

(Pubblicato sul numero 29 della rivista ‘Tina, di Matteo B. Bianchi) 0° Me chiamo Cenci Benito, fijo de Cenci Ottavio e Proietti Giulia. Nato a Roma, ‘r giorno 23 ottobre 1943, in via dell’Acqua Bullicante n°13, residente in via dell’Acqua Bullicante n°13. Ho 18 anni, so’ attualmente occupato, lavoro in un negozio de generi vari,… Leggi tutto Benito Cenci, una storia romana