Cadillac numero 16A [Speciale Premio Calvino], luglio 2017

Di scrittori è pieno il mondo, si diceva, oggi si direbbe che di scrittori è pieno il web. Su Facebook, sui blog, tutti ci ritagliamo il nostro piccolo spazio, all’affannosa ricerca di consensi e seguaci, e qualcuno a modo suo ce la fa (blog con migliaia di visualizzazioni, non è il mio caso, ce ne sono, e talvolta queste visualizzazioni portano anche a qualcosa di concreto), ma tutti gli altri?
Tutti gli altri alla fine si annoiano.
Le case editrici, che molti snobbano definendole schiave del dio denaro (spesso per rifiuti o mancate risposte), sono sommerse anche loro da questa marea di nuovi autori, ma come fanno a selezionare? Come si accorgono di un nuovo talento o come decidono su chi scommettere? Certo, molta parte la fanno gli editor che pazientemente leggono, scartano, rispondono, s’affannano pure loro tra pagine e pagine, e anche loro combattono coi tempi, e col tempo soprattutto.
Tralasciando completamente la zona di guerra delle autopubblicazioni (sono un bene? sono un male? Per ora non curiamocene), esiste un altro bacino dove le case editrici attente (e curiose soprattutto) osservano la narrativa contemporanea, e questo bacino sono le riviste letterarie, quelle che, purtroppo, nella maggior parte dei casi pagano in visibilità, ma che delle volte riescono a trasfomare questa visibilità in un vero e proprio appagamento.
Un esempio di come una rivista possa lavorare nello scremare i nuovi talenti e nel dar voce a chi ha pochi mezzi o contatti, è sintetizzato nell’ultimo volume della rivista Cadillac, che molti di voi conosceranno e che qui propongo per quelli che non la conoscono ancora.
Il numero è interamente dedicato al premio Italo Calvino, perché, pensate un po’, Cadillac ha ospitato ben tre tra i nove finalisti dell’ultima edizione.
Quindi, perché mandare i propri racconti o un estratto del proprio romanzo a una rivista? Perché a volte la visibilità paga, soprattutto se la vetrina è ben curata.

Cadillac

EDITORIALE

Cari lettori di Cadillac, bentrovati. Quello che avete tra le mani (virtualmente) è un altro numero atipico della nostra rivista. Molti di voi lo sanno, ma lo ripetiamo per i nuovi lettori: Cadillac è una rivista letteraria auto-prodotta, gratuita, senza scopo di lucro né una versione cartacea: non ha entrate né uscite, non ha sponsor né paga nessuno, né – ancora – ha alcuna pretesa sui diritti dei racconti che pubblica, che rimangono sempre agli autori. Diamo molto spazio allo scouting, ovvero alla ricerca di autori esordienti, emergenti o non ancora affermati, ma pubblichiamo anche estratti e racconti brevi di autori noti o classici, e tanto altro ancora. Ci piace contraddirci, ci piace spaziare, ci piace sorprendere il lettore. Ma veniamo al numero in questione.
Si tratta di una raccolta di estratti dei romanzi dei nove finalisti della XXX Edizione del Premio Calvino, accompagnati dalla scheda di…

View original post 458 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...