Ar funerale mio

Ar funerale mio io nun ce sarò, nun ve starò a guardà dall’arto – o dar basso: ce sarete solo voi colle lenti scure a nasconne ’r trucco – se sfatto, se ‘ntatto – cor dolore vero o coi singhiozzi finti.
De’ la morte mia io nun saprò gnente: sarà bella, sarà brutta, si metterete ‘n disco
co’ la canzone che me piace.
Io ve dico, però, nun ve formalizzate: vestiteve de nero, si c’avete da snellire; mettete scarpe rosse, si c’avete ‘r foco in petto, ma puro gialle, p’a bile che sale.
Ma, ve prego, nun v’agghindate a morte, metteteve a vita, ché quella pe’ vvoi continua, colle rogne e colle botte, coi sogni e le speranze.
C’ha ‘r ghigno storto, è vero, e forse è pure ‘n po’ sciancata, ma nun se pò arriccià ‘r naso o farse er sangue amaro. La vita è una, e pure corta, nun ve state a disperà, fateve du’ risate, che tanto quella ariva, pe’ mmè, pe’ vvoi, ve pija tristi, ve pija allegri.
A me, cari miei, nun ce pensate più, io me ne sto qua disteso, che mo ho trovato ‘a pace mia.
Trovateve ‘a vostra, voi, si nun volete che lei ve trovi prima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...