Primo Ragone (ospite su Crapula.it)

Nei tempi antichi era uso comune condividere la propria esistenza con i cari defunti, o anche con i defunti in generale, quelli cattivi, quelli sconosciuti, quelli che semplicemente erano morti e che sembravano non sopportare l’idea che ci si dimenticasse di loro. Per questa ragione, anche se le modalità non erano uguali ovunque, si cercava in tutti i modi di rendere omaggio non solo ai morti, ma alla morte stessa, ritenuta decisamente suscettibile, essendo fra le entità semidivine quella peggio considerata: le si scrivevano poesie, le si dedicavano statue, si cercava di andare nell’aldilà con qualche dono da offrirle, e non solo.
Come dicevo, anche i morti – lo zio, la nonna, il vicino – anche loro erano capaci di giocare brutti scherzi, per cui anche con loro bisognava avere un certo riguardo: lasciargli da mangiare, farli andar via ben vestiti, continuare a vivere come se non se ne fossero mai andati… Insomma, la morte e i suoi compari partecipavano attivamente al quotidiano e chi provava a dimenticarsene veniva immancabilmente punito.
Poi questo rispetto per la vecchia con la falce, d’un tratto, sparì.

Per continuare a leggere, vai su Crapula.it
Pagina Facebook: CrapulaClub

E grazie a Correzioni di Bozze per i consigli :)

Annunci

Un pensiero riguardo “Primo Ragone (ospite su Crapula.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...