L’amore è ‘n lusso pe’ signori

Si sei ‘n poveraccio nun te poi manco innamorà: si lei è ricca, nun te se fila; si è povera, tra lli stracci ‘a polvere e ‘a zozzeria, è più lo schifo che te fa d’ ‘a grazia, si lla tiene.
Si sei ‘n poveraccio t’accontenti: si c’ha ‘r naso storto, si c’ha le zinne piccole; te va bbene puro scema, coi diavoli, cor muso perché tanto, si sei ‘n poveraccio, nun ce parli mica colla donna tua, ce devi fa i fiji mica ce fai all’amore, ve sotterrano vicini, ma nun ce mori assieme.
Lascia stà quelle bbone quelle coll’occhi che te pijano, quelle che sospirano, che ridono, quelle che solo a guardalle te se ferma ‘r core.
La miseria è ‘na carogna, nun pe’ li sordi che nun c’hai o pe’ ‘r pane che te manca, ma per l’amore: è ‘n lusso puro quello, quello è robba pe’ signori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...