Benito Cenci, una storia romana

(Pubblicato sul numero 29 della rivista ‘Tina, di Matteo B. Bianchi)


Me chiamo Cenci Benito, fijo de Cenci Ottavio e Proietti Giulia.
Nato a Roma, ‘r giorno 23 ottobre 1943, in via dell’Acqua Bullicante n°13, residente in via dell’Acqua Bullicante n°13.
Ho 18 anni, so’ attualmente occupato, lavoro in un negozio de generi vari, che se trova in via della Marranella ar nummero 52; è ‘r negozio de’ mi padre, ce l’ha dar 1947 che prima era de ‘n amico suo che è morto ar fronte, e siccome ch’ era fijo unico, su madre je l’ha lasciato, che pè llei era come ‘n fijo.
Me so fidanzato du’ mesi fa co’ Mariani Rosetta, c’ha 15 anni e vive puro lei all’Acqua Bullicante.
Nun ho fatto ‘r militare pè vvia der piede piatto, ma mejo che tanto io de spaccamme ‘a schiena nun ne vojo sapè, e m’hanno puro detto che quanno sei recluta nun te la passi mica bene, che te fanno certi scherzetti che te li ricordi tutta la vita.
Sì, sì , ‘r senso der dovere ce l’ho, puro quello della patria, ma mò nun semo in guera, a che je servo mo alla patria? Si devo annà a combatte ce vado, ma si nun ce sta da combatte tanto vale che me sto qua, ar negozio, colla fidanzata mia, e coll’amichi mia.
C’ho due amichi, sì: Vincenzo e Ninetto.
Vincenzo nun lo so come se mette de cognome, c’ha vent’anni e tira a campà, lavora alla giornata, ‘ndo capita: mò fa ‘r fruttarolo, mò va nei campi, mò porta ‘a spesa.
Ninetto ‘nvece ce lo so come se chiama, se chiama Citti, e mo ‘o ricordo perché puro l’attore c’ha ‘o stesso cognome sua; c’ha 15 anni, ma nun lavora, va ar liceo propio, ar classico, perché i genitori sua, puro se vivono alle borgate nun so burini, c’hanno quarche sordo da parte pè ffallo studià, ch’armeno lui se pò ffà ‘na vita, dicheno.
Ieri? Ieri sì, stavo ar fiume co’ Vincenzo e Ninetto, ce so annato dalla mattina.
Sì, dovevo sta ‘ar negozio, e ‘nfatti ce so stato fino… E mo che ore saranno state, e forse fino alle undici, chi so ‘o ricorda.
Ma nun so’ annato subbito ar fiume, mo che me ricordo, perché Ninetto ‘ a matina sta alla scola, poi de solito annamo da Mario, ‘r bar che sta a Tor Pignattara; sì, quello dove ce sta ‘a carambola, ‘e freccette.


Ce stava er sole. Sì, ce stava er sole e io me ne volevo annà coll’ antri a ffà du tiri a carambola da Mario, ma dovevo da vedè come svignammela dar negozio de mi’ padre.
-A pa’ – je faccio – a pa’, ta ‘a ricordi a Rosetta? Quella che me dicevi de lassà pèrde?
-Ma ‘a ricordo, ‘mbè?
-M’ha detto che oggi annava a Porta Portese.
-E a me de li cazzi sua che me frega?
-A pa’, m’ha detto che c’annava sola.
E quello che ancora nun afferrava
-Aoh, tu fijo sta a diventà omo!
Me guarda co’ ‘na faccia da pesce lesso, poi me dà na pacca sulla spalla e quasi colle lacrime m’enfila ‘na cinquecentolire.
-Ahò -me dice- nun me sfigurà, me raccomanno!
Tutto allegro intasco e me ne vado e quello me grida dalla porta
-Datte ‘na scrollata prima, pè sicurezza!
Omo! Io omo c’ero già da’n pezzo, da quanno l’amichi mia pe’r compleanno m’hanno fatto trovà nella cinquecento de Vincenzo Gina, ch’è una che c’ha ‘r marito ma lo stipendio a casa ce lo porta lei.
E chi sa ‘a scorda a quella, coi servizietti che m’ha fatto! Vabbè, comunque colla grana in saccoccia so ito da Mario tutto gajardo e c’ho trovato Ninetto, ch’aveva fatto sega, e Vincenzo che litigaveno co’ un napoletano che na faccia più brutta nun ce la poteva ave’.
-Aoh, a Benì, viè qua, viè! Viè a sentì che dice sto fijo de ‘na mignotta: dice che noi romani semo tutti burini!
-A napulè, er Colosseo “o tenimmo nuie”!
-Aoh, a me nun me frega ‘n cazzo, né de Napoli e né de Roma. Allungame ‘na bira, Mario, me vojo fa’ ‘na partita colla gola fresca!
-A Benì! -Vincenzo me pija pe’ er collo e mi strofina ‘r pugno sulla capoccia- ma com’è ch’er papà tuo nun te rincore colla cinghia?
-E llò messo a posto ar papà mio: c’ho detto che Rosetta oggi me la dà e m’ha pure dato mezzo sacco!
– Li mortacci tua, sto fijo de bona donna! Offrece pure a noi che poi se ne annamo a festeggià a Rosetta ar fiume!
-Famose du tiri prima!
-E famoseli!
E fra ‘na bira e ‘na stecca, la mattina era bella che finita, co’ Vincenzo ch’ancora mannava frecciatine ar napoletano e Ninetto che je stava dietro pe’ sentisse adulto.
Ninetto è ‘n pischello, c’ha 14 anni ma è uno in gamba. So ‘o semo pijati ‘na vorta che c’ha coperti co ‘no sbirro: stavamo a pijà du robbe da ‘n palazzo abbandonato e quarche stronzo aveva chiamato ‘a polizia. Ninetto ar poliziotto c’aveva detto ch’era stato lui a chiamà e che i ladri si n’erano scappati co’n furgone
-Dellà, so annati dellà!
E quelli a core come fessi, colle luci e le sirene!
-Aoh, a coso, grazie!
E quello ppè risposta ce guarda torvo e sputa ‘n terra: voleva fà ‘r duro, ce voleva impressionà, e io, che l’avevo capito, je dico:
-Com’è che te chiami?
-Ninetto!
E già se gonfiava.
-A Ninè, viè ‘n po’ qua. C’hai sarvato er culo, nun hai fatto l’infame. Che c’hai da fà stasera?
-Gnente!
-E te sbaji! Stasere te portamo co’noi.
E così pure Ninetto è entrato ner gruppo, pure se a Vincenzo all’inizio nun annava a genio, che quello dice che coi pischelli ce se rovina la reputazione, ma ‘ntanto tutti e tre se n’annavamo ar fiume, Vincenzo colla faccia storta e Ninetto che ce sartellava attorno come ‘n galletto ner pollaio.

II°
Er fiume nun è proprio ‘n posto, è ‘na specie de ritrovo ‘ndò ce sta ‘n po’ de tutto: pischelli, mignotte, burini, negri; e llà ce se vede coll’amichi pè decide che ffa’, per fumasse ‘na cicca.
Però nun è che ce poi annà ccosì, pe’ ffatte ‘na passeggiata: te ce deve da portà quarcuno, ce devi da annà in compagnia, che se nun te conosce nisuno so’ cazzi tua.
Io ce vado da quanno che c’ho 12 anni, che me c’aveva portato uno der palazzo mio ‘na vorta che je serviveno du’ braccia pe’ pportà ‘n pacco.
Quer giorno me so’ ‘mparato pure a storce ‘a bocca e a camminà sciorto, come nei firme propio, e parevo ‘n ceffo che manco li peggio burini. ‘Na vorta che me ne annavo colla mia faccia da paragulo a cercà quarche lavoretto ar fiume, ho visto ‘n gruppetto der quartiere rivale che se la prenneva co’ uno dei nostri, un moretto che c’aveva du’ anni più de me.
Io giravo sempre co’n cortelletto, de quelli da du’ lire, però c’avevo voja de menamme co quarcuno e m’ero messo a sventolallo davanti a quelli che, puro s’erano in quattro, nun c’avevano manco ‘na lima pè lle unghie.
-Ahò, volemo carmacce o se dovemo da chiarì?
-Semo carmi, semo! Se stavamo a ddì du’ parole!
-E me sa che ve sete detti tutto!
-E me sa di sì, me sa!
-Aoh -aggiustando il bavero ar moro- tutto regolare, vè?
-Aoh, che stai a salutà co’ a’ fidanzata tua? E levete!
-Se n’annamo, se n’annamo!
E pijarono a core, ‘n po’ sbiancati p’a paura, ‘n po’ rossi de vergogna che s’erano fatti mannà via da ’n pischello.
-Te staveno a ffà ‘r cappotto, eh!
-Me stavo a ffà li cazzi mia!
-Aoh, bell’ingrato sei! Ma che voleveno, oh?
Quello ‘n po’ era aggitato ché se l’era vista brutta, ma puro me ringraziava di dentro de lui perché j’avevo sarvato ‘a pelle.
-Se to ’o dico te stai zitto?
-So’ ‘na tomba!
Guardannose ‘ntorno, ché dalle parti nostre puro li serci c’hanno occhi e orecchie, scoppia a ride’ e me fa:
-J’ho fregato cinquanta sacchi a quei fiji de ‘na mignotta!
– Li mortacci tua! E te credo che te voleveno fà ‘r sevizio!
-Ahò, ‘nnamose a fà ‘na bevuta, offrono loro!
E mentre se n’annavamo da Mario, ‘r bar nostro, quello me diceva che se chiamava Vincenzo e che nun era ‘n ladro ma che ogni tanto je piaceva fregà quarcosa a quarche stronzo.
-So ‘n paragulo, ma nun so ‘n burino!
E mettedome ‘r braccio ar collo, me raccontava la vita sua, che poi era la solita vita di noi de le borgate, ma però me divertiva e lo lasciavo raccontare, che ‘nfonno nun c’avevo manco de mejo da fà e ar bar ce semo restati tutto ‘r pomeriggio e puro la sera, che poi è quello che famo puro mo, che d’allora io e Vincenzo nun se semo separati mai.

III°
Vincenzo è de le borgate puro lui, ma de fà ‘r dritto nun je ‘mporta, lui vole solo fumasse quarcosa ogni tanto e farse du’ sorsetti, e si è aggratis è mejo.
Come a quelli llà, quelli de prima, lui dice ch’è ‘na specie de Robin Hood de noantri, che però lui, ‘nvece ch’ ai ricchi, rubba alli stronzi, e quelli der fiume erano propio stronzi.
-Aoh, qua ‘n borgata, si nun sei burino, devi da campà comunque!
E lui ce campa colli giochetti sua, ma ogni vorta rischia de fasse cambià i connotati.
-Benì! Benì, senti ‘n po’!
Un giorno se n’era venuto a casa mia tutto eccitato che me pareva ‘na regazzina co’ le voje.
-Ahò, e nun ‘o vedi ch’ora è? Stavo a dormì, stavo!
-Ah, Benì, chi dorme nun pija pesci! Senti qua che c’ho da ditte: ‘amo trovato ‘na svorta!
Era ‘na svorta sì! Quer paragulo aveva sgamato ai binari ‘r posto dove certi tizi nasconnevano ‘a robba prima d’annarla a smercià.
-Noi se pijamo du cannette, ‘na bottija, mica robba grossa, manco se n’accorgono si je viè a mancà ‘na briciola.
Però, pe’ nun dà nell’occhio, diceva ch’era mejo si er posto nun ce lo diceva, a me e a Ninetto.
-E’ alli binari vecchi, ma nun c’annate che quelli so burini seri, si ce pijano so cazzi nostri e delli parenti puro!
Lui nun ce tiene assai alla pelle sua: su padre è morto, su madre anche, ‘r fratello nun se sa si sta a Roma o si l’hanno fatto fori pure a lui, comunque Vincenzo nun c’ha gnente da perde.
-E si me moro puro io è anche mejo!
Che nun je fà né cardo e né freddo de vive o de morì.
-A Vincé, si te mori, te vengo a piscià sulla tomba, te vengo!
Ero ‘n vena de fa discorsi di quelli seri, che tanto se stavamo a grattà, e quanno nun c’hai gnente da fà te metti a penzà:
-Ahò, ma tu ce credi a tutte quelle manfrine sull’anima?
-Benì, nun lo so, io so solo che si nun c’hai nessuno che te porta li fiori a la tomba tua, pure se l’anima cell’hai, nun è che te serve a quarcosa.
-E all’Inferno ce credi?
-E come no! Che nun lo vedi che ‘nferno che ce sta qua? Semo tutti pori diavoli! A Benì, nun ce pensà troppo a ste robbe, che te se fonne ‘r cervello!
Sì che alla morte a dì ‘a verità nun ce penso mai, ma quer giorno c’era stato ‘r funerale de uno dell’Acqua Bullicante, uno che c’avevo fatto quarche furtarello ‘nzieme e che c’aveva ‘n anno più de me; l’aveveno beccato che scassinava ‘na botteguccia, ma quello, al posto d’arrendese, s’era messo a core e quello stronzo der proprietario j’aveva sparato. Quello mo sta ar fresco, ma quer poretto, pe’ ddu’ stracci e quarche piotta, se n’è ito ar creatore.
-Vincè, e si ce pijano puro a noi?
-Mejo! ‘Na pallottola ‘n testa è mejo de no sbirro frocio! Benì, m’hai rotto li cojoni co’ ste lagne, nnamo a rimedià quarcosa che c’ho la panza vota.
E in effetti nun mettevamo gnente sotto ai denti da quasi du’ giorni e semo iti da Mario che, quanno ce l’ha, ce lascia gli avanzi de’ clienti.
E ‘nfonno chi c’aveva ‘r tempo de pensà all’anima, alla morte e a tutte quelle fregnacce llà; a noi c’importava de magnà e de vedè ‘n po’ de fregna, che a quella, invece, ce penzavamo sempre.

IV°
Da me nun è come da Vincenzo, io ce lo so ‘ndo stanno tutti li parenti mia: so’ tutti a casa mia!
Ce stamo io, mi padre, mi madre, ce sta mi sora, mi’ zia Bettina, su’ fija Teresina, e ce sta puro ‘r cane, ch’amo chiamato Lollo, perché quanno che l’ho trovato c’avevo a fissa pe’ ‘a Lollo, l’attrice.
Vivemo in du’ stanzette, io dormo co’ mi padre e ‘r cane, dall’antra parte ce stanno le femmine, ma è ‘n casino perché mi’ zia è matta e de notte je pijano certi attacchi e se strilla, e s’aggita e dormì è ‘n’ impresa.
Li medichi l’amo chiamati, tutti a ddì de portà pazienza e je danno ‘e gocce, je fanno ‘e siringhe, ma quella de carmarse nun ne vo’ sapè, e ‘ntanto stamo tutti a ffà la fame pe’ pagaje ‘e cure. Essì, je ‘e pagamo noi e su’ fija perché ‘r marito, ‘r fratello de mi padre, è morto che l’hanno fatto fori i tedeschi e mò è Teresina che porta i sordi, ma con’na madre così che lavoro poteva trovà, che nun se po’ allontanà n’attimo? Fa ‘a mignotta, no?
Quarcuno ‘o rimedia, ma mica è facile portasse li clienti co’ quella che fa ‘r bordello, puro si è bona, pe’ certe cose ce vo’ ‘n po’ de pace.
Io poi vorrei approfittà de sta cuggina mignotta, ma ogni vorta che je provo a toccà ‘e zinne quella me molla certe pizze e me grida come sa ’a volessi ammazzà:
-Porco, maiale! Semo cuggini e me stai toccà ‘e zinne! A schifoso, zozzone! Che ‘n ce lo sai che manco le bestie s’accoppiano in famija? Porco!
Però quanno sta colli clienti me fa sbircià, ce porto puro l’ amichi, loro se godono ‘o spettacolo e io me ci pago Gina e c’avanza puro ‘r resto.
Sti traffichi so’ ‘na specie d’accordo: io nun dico gnente de li fatti sua e lei nun dice gnente de’ li sordi che me faccio dà pa ’a visione, perché tra cuggini nun ce se tocca ma ce se dà ‘na mano, che poi se ‘r vecchio ‘o viene a sapè ce manna a tutti e due all’antro monno: quanno ce sta de mezzo ‘r peccato quello svarvola. Lui è ‘na persona onesta, c’ha ‘r negozietto suo, c’ha li clienti sua, fa la fame ma colla coscienza pulita. Ce ll’ha tarmente pulita che je pija a male anche a chiede li sordi che je spettano, ch’è più lungo l’elenco dei debbiti che c’hanno co’ lui che ‘r rotolo delli scontrini che batte.
-E semo tutti poveracci, e che mo nun ce lo devo da da’ er pane a ‘na madre de famija che nun c’ha manco più l’occhi pe’ ppiagne? E me li darà quanno ce li avrà li sordi, ‘ntanto se tira a campa’!
E a campare e a campare, ‘r pane nun ce l’avemo manco noi.
Ar negozzio ce lavoro pur’io, c’avevo 16 anni quanno a quello stronzo j’è venuta ‘a bella idea de rovinamme ‘a giornata:
-’Ndo vai, Benì?
-Vado coll’artri ar fiume!
-Ar fiume vai tu? Te stai a ffà ‘a scrina p’annà ar fiume? E vviè ‘n po’, c’ho da fatte ‘na domanda: p’annà ar fiume quanti sordi te ce vonno?
-A pa’, che vvoi, nun me serve gnente!
-A no? I sordi nun te servono?
-No!
-Ah. E, dì ‘n po’, ‘o sai quanto me costa mannatte ar fiume a nun fa ‘n cazzo? Eh? Ce lo sai quanto me costa? T’avevo detto de trovatte ‘n lavoro, nun l’hai trovato? E mo to ‘o do io lo sgobbo, vviè com’mmè, viè!
-Ahò, c’ho da fa’, quelli m’aspettano!
– E falli aspetta’, a me che me frega!
-Ahò, che te pija, lassame! Ahò me stai a strappa’ ‘a recchia! Ahò!
-A brutta boccaccia ‘nfame, mo ‘r pane t’o guadagni puro tu, mo te ne vai ar negozio e ce stai tutto ‘r giorno!
E così ho iniziato a lavorà, che mi padre s’era rotto de vedemme a zonzo, ma che poi nun era manco tanto pe’r fatto de magnà aggratis, è che quello ce lo sapeva che me n’annavo dalla Gina e lui le mignotte nun le po’ vedè, dice che so le peggio peccatrici perché ‘r sesso, si sei femmina, ‘o devi da fà solo pe’ ffà fiji.
E te credo che mi madre se n’è annata de capoccia! Puro lei, sì, ma stai a vedè che co’ n’artro marito ch’ ‘a soddisfava nun se riduceva come s’è ridotta.
C’ha ‘a depressione, no come zia Bettina, lei sta sempre a dormi’ e quasi nun magna. J’è venuta così, un giorno l’amo trovata a letto colla faccia da pesce e nun s’è più arzata, e mi sorella ‘a lava, je dà da magnà quanno ce riesce, e nun parla manco lei, né co’mmè, né co’mmi padre, solo quarche vorta ce strilla che si nun se rinchiude in convento è solo pe’ quella disgraziata de nostra madre, e quanno nun è co’ lei va in giro a chiede si ce stanno panni da lavà o da rammendà, o si deve sciacquà ‘e scale, servizzi così ‘nsomma, basta che so onesti.
Io je faccio schifo, Teresina no. Teresina, dice, ‘o fà pe’ bisogno, perché nun po’ lassà sola ‘a mamma, sinò so’ ‘o cercherebbe, ‘n lavoretto pulito.
Io invece nun c’ho ‘n cazzo da fa e vendo ‘r lerciume alli amichi mia, così me dice, e dice che so peggio di un magnaccia e de ‘n assassino.
-E lassame perde, ma chi te s’encula!
– A depravato! Sei bbono solo a magnà sulle disgrazie artrui! A bottega dovresti da sta’ , colli peggio malandrini!
-Ahò, si nun ‘a finisci ta’ ‘a faccio finì io, che se me manneno a bottega armeno me so torto na rompicojoni de mezzo!
E questa è casa mia: ‘a mattina ar negozio, magno, me faccio du litigate, me faccio quarche sordo collo show e po’ vado ar fiume o dalla sora Gina a rilassamme.
Ma poi me va puro bene de lavorà da mi padre: sto lì, nun me rompo ‘a schiena e quarche vorta ce capita che quarcuno, de’ quei pochi che pagheno, me dà quarcosina, quarche spiccioletto, che quer morto de fame me dà du’ piotte a settimana, e poi uno se stupisce che so costretto a ‘ngegnamme: co sta paga da morto de fame ‘n ce compro manco ‘e nazionali, figuramose e’ resto.

Prima ho detto ch’ a Vincenzo nun je frega gnente de la morte, de la vita e di tutte quelle fregnacce llà.
-Quelle so robbe da frocio!
Mo’ ‘o dice sempre, perché io, ‘nvece, ‘gni tanto ce penzo e co’ quarcuno ne vojo parlà, ma Ninetto è n ‘pischello, è u’ regazzino, certe cose nun le pò capì, l’artri der fiume nun sono amichi, ce se vede così, pe’ quarche cosa o ppè ride, mica me pozzo mette ‘a discute co’ quelli de li cazzi mia, e ‘nzomma, nun me resta che Vincenzo.
Beh, un giorno c’avevo proprio voja de sfogamme, m’ero arzato colla luna de traverso, e ‘a sera prima avevo visto un firme, uno de quelli che te fanno riflette: parlava de questo qua che s’era sposato pè sordi, ma nun vedeva l’ora che ‘a moje se moriva; poi lui se crede che quella more e inizia a ffà ‘a bella vita, e invece poi se scopre che quella nun è morta e, quanno sa’ ‘a vede davanti, è lui che se more pè llo spavento. Vabbè, era na cosa così, mo nun mo’ ‘o ricordo bene, ma m’aveva fatto venì voja de chiacchierà; me credevo che, come ar solito, Vincenzo me doveva mannà a quer paese, e ‘nvece j’annava a genio puro a lui.
-Che robba quer filme ieri sera, ve’?
-Quale filme?
-Come quale, l’amo visto ieri: quello der vedovo, che lui se penza che ‘a moje è morta, e ‘nvece nun è morta e alla fine se more lui?
-Ah, ‘mbeh?
-No, dico, ma nun lo vedi che fija de na mignotta che è ‘ a morte? Tu stai llà, ta’ ‘a godi e quella te se fotte.
-E che nun ce lo sai? Te poi fà lo stronzo, ma quella è più stronza de te.
C’aveva n’aria strana quer giorno, pareva eccitato. E poi a un tratto me pija e me fa:
-Ahò, ma si te dico ‘na cosa nun la dici a nisuno?
E gliel’ho promesso sì, c’avevo ‘na fregola de sapè che me doveva da dì!
-Tiè!
Aveva tirato fori dar taschino de la giacchetta, ‘no straccetto de panno, tutto conzumato che j’annava corto e stretto, aveva tirato fori ‘n taccuino, ‘n blocchetto, scritto fitto fitto, tutto stropicciato che nun ce se capiva gnente.
-E che è sta robba?
-Dà qquà, mo to ‘o leggo io.
Poesie! Vincenzo scrive poesie: sulla vita, sulla morte, sull’ accidenti sua!
E stava su dde giri mentre me’ ‘e leggeva, e io all’inizio un po’ me vergognavo, perché a poesia è robba da recchioni, da femmine, però più leggeva e più me piacevano: me ce divertivo, le penzavo pur’io quelle cose che diceva!
E stava llà, in piedi, cor blocchetto zozzo e li stracci sua, ma c’aveva ‘na certa dignità, c’aveva quarcosa che pareva ‘n attore vero.
-Bravo! Bravo! Anvedi sto qui che me fa ‘r poeta!
-Benì, solo li bburini nun sanno cos’è ‘a poesia. E che, ‘nvece tu che me la stai sempre a menà cor carcere, co’ Rosetta, co’ la sfiga che nun t’ha fatto nasce ricco… Che nun sei ‘n poeta pure te?
-Ma io nun me metto a scrive!
-E sbaji! Dovresti da fallo anche tu, e sennò che je lasci all’artri quanno che crepi? Mica c’avemo stemmi e medaje, e si c’avremo de’ fiji ce se scorderanno puro loro!
E mo ‘gni settimana se vedemo solo io e Vincenzo e se leggemo quello ch’avemo scritto. Poi lui me coregge, perché io nun so bbravo, ma m’ha detto che c’ho quarcosa, che scrivo bene.
Noi nun avemo studiato: io ‘a mattina sto ar negozio, e a scola nun c’annavo manco prima; Vincenzo manco ce va, però c’ha quarche libro: Trilussa, Pascarella… Me legge puro le poesie loro e me le spiega, che so belle perché so nella lingua nostra, e’ romanesco -così m’ha detto che se chiama ‘r dialetto nostro. E po’ che c’è de mejo de scrive e de parlà come se magna, no?

VI°
Sì, Vincenzo me pijava per il culo pe Rosetta, a fidanzata mia.
Eh, mo è a fidanzata mia, ma prima de deciderme a corteggialla ce n’ho messo, de tempo! La prima vorta l’ho vista ar negozio: stava co su’ fratello, un piccoletto de 5 anni, carino, biondo, e je doveva da prenne ‘na matita, ‘na gomma, eppoi nun me ricordo, na robba pe’ disegnà; vabbè, je doveva prenne ste cose ma nun c’aveva ‘n sordo bucato e allora, visto che ‘r negozio era mio e visto che era bona, ma proprio bona, io quella matita je l’avevo regalata, e solo che al posto de chiedeje come si chiamava, ‘ndò abbitava, me n’ero stato zitto come ‘n deficiente, lei s’era presa la matita, m’aveva detto grazie e se n’era annata cor fratellino tutto contento che mò poteva fa tutti i disegni che je pareva.
‘Nzomma, ero rimasto come ‘n fregnone, imbambolato come ‘n pischello.
Er pomeriggio me dovevo vedè co’ Vincenzo pe’ dicce ‘e poesie, e allora, m’ero detto, era ‘r caso de chiede a lui come fa’ pè rivedella, e pure come fa’ pe’ avvicinajese, perchè io oltre a mi’ cuggina che era ‘na mignotta e oltre a Gina che era ‘na mignotta pure lei, nun ce sapevo fà ppè gnente colle femmine, che ne sapevo di come s’envitavano ar cinema, de come fasse da’ ‘a mano… M’ero propio innammorato , c’avevo intenzioni serie, che sennò nun ce mettevo gnente a mette du’ parolette pe’ vedè se ce stava subbito.
L’avevo vista ‘na vorta sola, mbeh? M’aveva corpito! C’aveva ‘n portamento da principessa, puro la voce sua me piaceva, nun era solo ‘na cosa de panza, fosse quello l’amore, allora so’ innamorato de mezza Roma, pure de la sora Gina!
Anche Vincenzo se credeva che me la volevo fa’ e basta, che un po’ era vero, perché a fammela ma ‘a volevo fa’, ma ce volevo puro sta ‘nzieme, doveva da esse ‘a donna mia.
-Ahò, che te sei ammattito? Ma che ne sai che ce voi sta ‘nzieme, metti che è ‘na stronza, che fai? Te ce findanzi e ‘a molli?
-Nun è stronza, nun c’ha la faccia!
-E mo da ‘na faccia se riconoscheno ‘i stronzi! Anvedi che teorie, com’è che ancora nun se sa sta cosa ‘n giro? Insegname puro a me come se riconoscheno, che me sa che io nun so capace a scrutà le facce.
-Eddai Vincè, se vedeva che nun era stronza, fidate!
-Vabbè, vabbè, ma mo bisogna vedé chi è questa qui, che mica je l’hai chiesto ‘r nome, fregnone che sei! E secondo te come dovemo da fà pe’ scoprirlo?
-Che ne so, però è una dell’Acqua Bullicante, ar negozzio ce vengono solo da lì.
-E si è dell’Acqua Bullicante ‘o scoprimo sicuro chi è sta principessa, nun te preoccupa’!
Ma mica era facile! Le ragazze nun è che se vedessero assai in giro, o annavano ar mercato oppure a messa colle madri, le zie, le nonne e tutte le femmine da’ ‘a famija.
-E devi da annà puro tu a messa ‘a domenica.
-Ahò, ma che te sei ammattito? Io a messa nun ce so mai annato, nun ce vojo annà manco mò.
E invece ce so ito, assieme a Vincenzo, e puro tutte le domeniche perché Rosetta c’annava, colla madre, colle zie e colla nonna, e su madre me guardava male, eccome si me guardava male! Se n’era accorta quella c’avevo puntato aà fija sua, però dopo ‘n po’, messa dopo messa, me guardava meno male, perché, m’ha detto Rosetta, aveva saputo che mi padre c’aveva ‘r negozio e che ‘n fonno nun ero così male come partito.
E così ce semo presentati, però ho dovuto portà mi padre co mmè, pe’ ffà ‘e cose come se deve, coi genitori, colle credenziali.
Così Rosetta è diventata ‘a fidanzata mia, solo che ancora nun ero proprio soddisfatto de sta storia, perché lei era vergine e vergine voleva restà fino ar matrimonio.
Io ‘nvece quarcosa ‘a volevo fà, mica m’ero fatto prete, e infatti continuo a vedè Gina, che puro si nun è bona come Rosetta, armeno nun me fà penà come lei.

VII°
Rosetta nun è l’unica femmina che me dà problemi, anzi! ‘n giorno che me ne stavo a crogiolamme ar sole su ‘na sedia davanti ar negozzio, che tanto nun c’avevo clienti e me ne potevo sta’ tranquillo, o armeno così me credevo, me sento una che grida:
-Disgraziato!
Ner quartiere mio ce stanno sempre ‘n sacco de femmine che sbraitano, mica c’avevo dato peso e mica avevo capito che quella ce l’aveva proprio co’ mmè.
-Co ‘na moje e ‘na famija, lui se ne sta beato ar sole, se ne sta! A animale! A bestia che sei!
M’aveva iniziato a menà!
-Ahò, ahò, che vvoi, ma chi te conosce, a matta!
Me l’ero dovuta toje de dosso colla forza, che mica me mollava, me stava a riempì de botte quella! Ma nun j’avevo fatto male, j’avevo dato ‘na spinta più energica, però quella era zompata come un diavolo e di nuovo a menamme e a pijamme a parolacce!
Era Mariuccia, a matta dell’Acqua Bullicante.
Nun è l’unica matta della zona, a dì er vero, ma è ‘na matta particolare, è ‘n po’ più matta dell’antri. Dicheno che prima era normale, che s’è ridotta così da quanno j’è morto ‘r marito che lei era incinta, e siccome s’era esaurita, j’è morto puro ‘r fijo, nelle braccia sue, o forse l’ha ammazzato lei propio, nun s’è mai capito come so annate ‘e cose, ma tanto a ‘na matta che je voi fà, mica è cosciente dell’azioni sua.
S’era ammattita pe’ sti due lutti e però nun se rassegnava alla morte, s’era convinta che ‘r marito nun era morto ma se n’era scappato co’n’antra, ‘na mignotta dice lei, e s’era fatto crede stecchito pè nun avè rogne legali perché ‘r matrimonio è ‘na promessa a Dio, va be’, però è puro ‘n contratto co’ ‘o Stato e si te ne scappi quarcosa te fanno, e mica se po’ pijà pe’ ‘r culo ‘o Stato! Ogni vorta se fissa co uno diverso, e o pija a male parole, je mena, je sarta addosso, se mette a piagne e fa tutte ste scenate fino a quanno nun se fissa co’ n’antro.
E Mariuccia mo s’è fissata co’mmè! Se crede che so ‘r morto, e c’ho puro la sfiga che je somijo pè davero, o armeno così m’ha detto ‘na vecchia der palazzo mio che a Mariuccia a conosceva anche prima che s’ammattisse e conosceva puro a lui, quindi mo sò du mesi che nun me dà tregua, che me segue, m’a ritrovo anche ar bar, sotto casa, da Rosetta. E quante je ne dice a quella povera Rosetta mia, poco ce manca che je mena puro a lei, ma io ‘a difendo, mica je permetto de faje quarcosa, è sempre a donna mia, che me frega si pure l’antra è na donna, io difendo la più debole.
No, ma nun jo mai menato, mica so ‘na bestia; je do ‘na strattonata e quella se ne va, colle lacrime vabbè, ma perchè penza che so l’amore suo, e te credo che se mette a piagne, è normale, ma nun j’ho mai fatto gnente, ce macherebbe.
Ieri? E ieri stavamo là, ar solito posto, ‘ndo se vedono li focherelli deè mignotte, se stavamo a ffà na cannetta, ‘na cosuccia così, ‘no spinelletto in tre, mica semo tossici, dottò! Eh, che stavamo a ffà: se dicevano du fregnacce, se bevevano du sorsi… Sì, ‘a robba che pija Vincenzo ai binari.
Ah, e a proposito de sta robba qquà: Vincenzo nun spaccia, t’ho detto, no? Lui prenne de sgamo, ma nun sa mica che ce rifila ogni vorta, si è robba buona, si nun lo è… Vabbè, ieri però se semo preoccupati perché a ‘n certo punto, mentre se ne stavemo stesi, ce se para davanti ‘n fantasma! Sì, ‘n fantasma davero: tutto bianco, colli stracci che volaveno, che ce stava a fa’ veni’ ‘n’infarto.. E noi j’amo detto:
-A Vince’, ma che c’hai fatto fuma’ stasera!
-Aho, è aggratis, si nun ve va bene a me ‘n me frega gnente!
-E chi se lamenta, solo che stavorta stamo a vede’ li fantasmi: guarda ‘n po’ là!
Vincenzo nun è che crede a tutte le robbe della religione, li santi, le Madonne che appaiono, e però alli morti ‘n po’ ce crede… Ma no all’anima, alli fantasmi proprio, e ‘nfatti ieri per poco nun ce rimaneva, e per fortuna, perché nun c’ha manco detto qual è ‘r binario ‘ndo va a prenne ‘a robba. Vabbè, l’amo lasciato steso là, ‘ntanto che se ripijava, e semo annati verso ‘r fiume a vede’ ‘sto spirito che voleva.
-Mavvaffanculo, è quella stronza de Mariuccia!
Mariuccia, ‘a matta, no? E quella c’aveva visti dalla finestra sua che se ne ‘scivamo mentre se stava pe’ mett’a letto e allora, co’ la sottana e le ciavatte, c’era venuta appresso.
Io mo nun lo so bene come so’ annate le cose perché a ‘na certa me ne so annato, me dovevo arzà presto perché s’apro tardi ‘r negozio mi padre me sdruma, però fino a quanno ce so’ stato nessuno l’ha toccata a quella, zozza com’è ce fa pure schifo. Essì che sarebbe pure bona, er visetto ce l’ha, c’ha puro du belle gambe, ma nun se lava, puzza, e poi mena, to’ ‘o ho detto, mica te poi avvicinà.
Oh, poi nun lo so si ieri Ninetto stava ‘n po’ su de giri, che quello è ancora vergine, e j’era venuta voja de fasse ‘na bottarella aggratis.
-Ahò e famosela, tanto chi ce vede, le mignotte? E se famo pure quelle!
-E fatte ‘na doccia fredda, nu’ ‘o vedi quant’è lercia? Nun te sarai fatto mica puro ‘r cane tuo, eh?
E giù a menasse, Vincenzo, che intanto s’era riarzato, e Ninetto, a disse le peggio cose mentre quella stava ancora lì a fissacce.
-Oh, te ne devi da anna’! Aria! Qui nun ce sta ‘r marito tuo, se l’è portato Cristo!
E quella continuava a fissamme e nun diceva ‘na parola
-Ahò, ma te ne voi anna’?
-Porco! T’ho dato ‘r sangue, t’ho dato! Porco!
E me se buttava addosso, me graffiava la faccia, m’ha strappato puro quarche capello, la matta!
Vabbè, me l’hanno torta de dosso e pe’ falla carma’ la volevano butta’ ar fiume, ma quella, manco aveva ficcato ‘n dito nell’acqua che ha iniziato a strilla’ più de prima, a tira’ carci e pugni. Gli amichi mia se so spaventati, j’è preso ‘r panico e l’hanno buttata ‘n po’ come un sacco. Ma nun s’era fatta gnente, se n’era scappata dall’antra parte, ando’ ce staveno le mignotte, e allora io, che me volevo pure disinfetta’ da quella zozza, me ne so’ ito a casa mia.
E che ne so che l’avete trovata stecchita, se sarà ammazzata, quella se credeva veramente ch’ero ‘r marito morto! Ah, l’hanno accortellata? E saranno state ‘e mignotte, l’avranno presa p’a concorenza, se sa come so’ quelle: nun te poi fa’ nemmeno ‘na passeggiata da quei pizzi che subito pensano che je stai a frega’ ‘a postazione.
No, nun me lo ricordo ch’ore erano, era notte.
Ah, Vincenzo dice che me ne so’ annato pe’ urtimo? Sta’ a vede’ che l’ha ammazzata lui, ‘sto ‘nfame!
Me carmo, me carmo…
No, nun l’ho visto oggi Ninetto, che? Dice pure lui come quell’infame? Dice pure che quella me la volevo fa’ io? Cos’è, se vergogna dell’atti sua?
E grazie che c’ho li segni de ‘na colluttazione, quella m’ha menato! Puro l’antri ce l’avranno li segni si nun se so’ curati mejo de me, anzi secondo me Ninetto nun è manco più vergine!
Ahò che voi ‘nsinuà, io la fidanzata ce l’ho, nun c’ho bisogno de famme le matte der quartiere.
Che stai a dì? No, nun m’ha lassato Rosetta. Ma che dici, ma si ‘o voleva puro lei, o voleva!
E ho ‘n po’ forzato le cose, ma che te credi che quella veramente doveva arivà vergine ar matrimonio? Ma po’ so io ‘r marito suo, se dovemo sposà, questo nun te l’ha detto?
Come? No, nun m’ha lasciato, pezzo d’infame, avemo litigato per dei capricci sua.
Nun j’ho menato! T’ho detto che nun j’ho fatto gnente, brutto…
Che è ‘sta robba? ‘na denuncia? Ma si j’avrò dato ‘n buffetto, sta a fa’ tutto ‘sto casino pe’ ‘na carezza!
All’ospedale c’è annata perché c’aveva ‘e cose sue, nun ce l’ho mica mannata io all’ospedale, io je vojo bene a Rosetta mia, hai capito stronzo? Rosetta nun m’ha denunciato, me vole bene a me, me vole sposa’!
No che nun me carmo, me ne fotto d’a posizione mia che peggiora!
Eh? E che ne so che vestiti c’avevo ieri. ‘na camicia bianca, sì, è probabile. Ahò ma si ‘o sai che c’avevo addosso ieri, che m’o chiedi?
Me carmo, me carmo!
E chi è mo ‘sto damerino, che vole? L’avvocato? E che so’ in aresto? Ahò e che vor di’!
Oh! So’ innocente, io! Nun l’ho ammazzata a quella, nun j’ho fatto gnente!
So’ innocente!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...